Ultimo Aggiornamento 07 Novembre 2016 :: ore 09:20
Homepage | Mappa | Contatti | Faq | Modifica i tuoi dati | Cookie Policy
Motore di Ricerca



Area Riservata
Area e-Learning
07 Novembre 2016 :: ore 09:20

All’improvviso Komir nelle sale italiane



 
Presentato all’Italian film festival di Berlino nel 2015 e al “Concorso Rivelazioni” della Cineteca Italiana di Milano, arriva nelle sale italiane “All’improvviso Komir” un film di Rocco Ricciardulli, con la partecipazione speciale di Gaia Amaral, testimonial di Amici dei bambini.

La pellicola girata con pochissimi mezzi, grazie al sostegno logistico di alcuni Comuni lucani e al contributo di partners privati, è patrocinata da Ai.Bi.

E’ nato così un progetto che ha unito Noura Film, distributore della pellicola, Ai.Bi. e UCI Cinemas, il circuito cinematografico che ospiterà da novembre le proiezioni su gran parte del territorio nazionale. Una collaborazione virtuosa che ha come obiettivo la sensibilizzazione attraverso la promozione di un film indipendente che, finalmente, grazie al supporto di UCI Cinemas, trova spazio e visibilità. Il tour nelle sale italiane di “All’improvviso Komir” partirà l’8 novembre da Milano e toccherà in seguito Pordenone (10 novembre), Mestre (15 novembre), Casalecchio di Reno (17 novembre), Firenze (22 novembre), Roma (24 novembre), Bari (29 novembre), Cagliari (1° dicembre), Torino (5 dicembre), Bolzano (6 dicembre) e Messina (13 dicembre).

Il film affronta con uno sguardo disincantato e a tratti duro il tema della tratta dei bambini. Un “film verità”, consigliato a un pubblico adulto, che mette a nudo una delle piaghe che attanagliano ancora la società: la “sparizione” dei minori, di quei bambini che arrivano sulle nostre coste via mare o via terra e di cui poi se ne perdono le tracce. Una realtà che non si può più ignorare dato il trend in crescita del fenomeno. Per questo il regista Ricciardulli ha deciso di affrontarla nel suo film e si è rivolto ad Ai.Bi da sempre in prima linea in difesa dei diritti dei più fragili e indifesi: i bambini. Sono loro che, come più volte reso noto da Ai.Bi., scappano da casa, vengono rapiti o sono sottratti da un genitore. Altri, fuggono da guerre, povertà e catastrofi naturali e una volta in Europa spariscono nel nulla. Se non accompagnati, rischiano di scomparire, vittime dello sfruttamento e della tratta o di subire abusi durante il loro viaggio.


Torna indietro
javodv